Come usare al meglio i manifesti pubblicitari: ecco gli esempi delle grandi aziende

 

Il manifesto pubblicitario ha una sua storia e sicuramente per essere usato al meglio ha anche le “sue regole”. Conoscerle significa poter percorrere la stessa strada delle grandi aziende.

Il primo punto su cui focalizzare l’attenzione risponde alla domanda: “Chi vede il manifesto pubblicitario”, questo significa che i manifesti pubblicitari vengono visti da tutti coloro che sono in movimento e per essere davvero efficaci non devono contenere più di 6 parole. Secondo le statistiche infatti, il tempo massimo di lettura, si aggira intorno alle 4-6 parole.
Sempre le grandi aziende insegnano che il manifesto pubblicitario deve essere notato ma non deve distrarre chi è alla guida di un qualsiasi mezzo, come fu invece per  “Hello Boys” della Wonderbra, dove le persone subivano il fascino della splendida Eva Herzigova.

Uno degli esempi più creativi, intuitivi, in chiaro di mostrare chiaramente l’idea ed il concetto, in maniera semplice e diretta è quella del marchio Formula, che ha presentato il trattamento ricostituente per denti, utilizzando un’ illusione prospettica che mostra il testimonial mentre addenta e strappare il cartellone pubblicitario dalla struttura in metallo. La brillante idea di rendere il  design realistico è stata di forte impatto per chiunque e di sicuro non ha creato incidenti.

Altro esempio, di come invece basti solo un dettaglio per attirare l’attenzione del consumatore, arriva da Heineken che si è ispirata al 3D, con una mano gigante che nel collettivo di tutti, esce dal fondo per afferrare la bottiglia di birra. Questo è uno di quei casi dove basta semplicemente il prodotto. E’ ovvio che i marchi più noti e famosi tendono ad identificarsi con un design semplice ma intelligente.

Intuitivo anche il manifesto pubblicitario Smart-piccolissimo è bellissimo-, per far passare il messaggio che quando si hanno delle ottime idee, le dimensioni non contano. In questo caso l’azienda ha optato per una comunicazione in linea con il prodotto.

Be the first to comment on "Come usare al meglio i manifesti pubblicitari: ecco gli esempi delle grandi aziende"

Leave a comment